Scultura da prendere a calci

(1959)
Scultura da prendere a calci
  • TIPOLOGIA: Oggetto
  • TECNICA: manuale, podologica
  • MATERIALE MISURE: moltopren morbido + elastico - cm 20x20x40
  • UBICAZIONE: deposito GAM Bologna | GAM Gallarate
  • MOSTRE: 'Miriorama 3' personale alla Galleria Pater, Milano 1960 | 'Miriorama 7' galleria S.Matteo, Genova 1960 | 'L'ultima avanguardia' Palazzo Reale, Milano 1983/84 | 'Arte programmata e cinetica in Italia 1958-1968' galleria Niccoli, Parma 2000 | 'Luce, movimento e programmazione 1958/1968', Ulmer Museum, 2001 | Stadtishes Kunsthalle Mannheim, 2002 | Stadtishes Museum, Gelsenkirchen, 2002 | Stadgalerie Kiel, 2002 | Staatlishes Museum Sschwerin, 2002 | Alpen-Adria- Galerie, Klaghenfurt, 2003 | Gli ambienti del gruppo T, GNAM, Roma 2005/6
8 moduli isomorfi e isometrici connessi con elastici costituiscono un parallelepipedo a sua volta trattenuto da un lungo elastico, tramite uno o più calci la scultura cambia casualmente la sua forma. Determinante estetica l'azione del corpo per il totale coinvolgimento sensoriale.

Approfindimento

vedi Giovanni Anceschi Brachiestesie in Gabriele Devecchi a cura di S. Sampietro. Ed, Archivolto, Milano 1995.


Scultura da prendere a calciUltima avanguardia (1983)Ambienti del Gruppo T, GNAM (Roma 2005)